info@worldoftech.it

Iniziare a fare fotografia: scelta della macchina fotografica

Il mondo della tecnologia a portata di click

Francesco Daniele

Non dimenticare di iscriverti per continuare a ricevere i prossimi post.

Introduzione

Questo è il primo articolo di un argomento molto interessante, la fotografia. Per restare aggiornato su tutti gli articoli della serie, clicca la campanella in basso a destra. Così facendo verrai avvisato tramite notifica ogni volta che uscirà un nuovo articolo.

Detto questo, iniziamo!

Quale fotocamera scegliere

Esistono quattro tipi di fotocamere: reflex, mirrorless, compatte e bridge. Per intraprendere un percorso fotografico, è sempre meglio partire dalle reflex, dato che hanno una qualità e un controllo superiore agli altri tretipi.


Le fotocamere compatte, come intuibile dal nome, sono facilmente trasportabili, date le loro piccole dimensioni e il peso minimo. Questo però, va a sfavore della qualità grafica delle foto e influisce anche sul controllo,minimo, dei parametri fotografici. Non è possibile cambiare l’obiettivo, che una volta spenta la macchina, si ritrae per agevolare il trasporto.


Le fotocamere bridge invece, sono una via di mezzo tra compatte e reflex. Le peculiarità di questo tipo di fotocamere, è la possibilità di controllare tutti i parametri fotografici in modo totalmente manuale. Restano però i problemi grafici e l’impossibilità di cambiare obiettivo.


Le fotocamere mirrorless, sono posizionabili dopo le bridge e prima delle reflex. Queste, a differenza delle reflex, non hanno lo specchio e il pentaprisma. La qualità delle foto è buona e abbiamo la possibilità di controllare tutti i parametri manualmente. Ha inoltre la possibilità di cambiare obiettivo e le dimensioni del corpo macchina sono ridotte rispetto alle reflex.


Le fotocamere che invece interessano a chi vuole iniziare a fare seriamente fotografia, sono le reflex. Questo tipo di macchina ci da il controllo totale dei parametri fotografici, la possibilità di cambiare obiettivo e una qualità grafica molto molto alta (dipende poi dal modello). Esistono infatti molti tipi di reflex, con prezzi che vanno dai 300 agli oltre 2000 euro per modelli professionali. Un altro fattore da considerare è l’acquisto dell’obiettivo più adatto alla nostra situazione, ma questo lo vedremo più avanti.



Quale modello scegliere

Una volta capito il tipo di fotocamera da acquistare, possiamo passare ai consigli sui veri e propi modelli.

Ci sono molte opinioni diverse su quale sia la marca migliore, ma le concorrenti principali sono due: Nikon e Canon.

Non si può dire quale sia la marca migliore, è un po’ come chiedere ad un bambino se si vuole più bene alla mamma o al papà. Resta il fatto che sono due marche validissime, e di solito le scelte che ti portano ad acquistare una reflex Nikon ad una Canon sono per motivi “affettivi” o esclusivamente estetici e viceversa.


Vedremo ora due modelli entry-level di entrambe le marche, analizzando i pro e i contro.

Nikon D3400

Questo modello entry-level marchiato Nikon, costa circa 412 euro su Amazon (corpo macchina + obiettivo Nikkor 15-55mm, nuovo). Vediamo insieme le principali caratteristiche.

Tempi di scatto30″ – 1/4000
Risoluzione
24 megapixel
Sensibilità ISO100 – 256.000
Video
1920x1080p 60fps
Wi-Fi
Si
Flash incorporato
Si, portata 12mt
Peso395g
Dimensioni
124 x 98 x 76mm

Questa è una macchina fotografica di tutto rispetto, se ti va di guardare qualche foto fatta da una Nikon D3300, visita questo profilo instagram.


Canon EOS 1300D

La reflex pronta a fare concorrenza alla Nikon D3400, è sicuramente questa evoluzione molto interessante della EOS 1200D. Il suo costo si aggira intorno ai 399 euro su Amazon. Vediamo le principali caratteristiche.

Tempi di scatto30″ – 1/4000
Risoluzione
18 megapixel
Sensibilità ISO100 – 12.800
Video
1920x1080p 30fps
Wi-Fi
Si
Flash incorporato
Si, portata 9mt
Peso485g
Dimensioni
129 x 101 x 77mm

Alla fine di questo confronto, personalmente consiglierei il modello marchiato Nikon, considerando anche il peso, il fattore video e la risoluzione totale. Ovviamente la scelta finale sta a voi!

Fammi sapere la tua con un commento qua sotto!

Nel prossimo articolo: cos’è il diaframma 

Per non perdere i prossimi articoli, non dimenticare di cliccare la campanella in basso a destra e di iscriverti alla newsletter!

Francesco Daniele

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *