info@worldoftech.it

Fotografia base: tutto quello da sapere sul diaframma

Il mondo della tecnologia a portata di click

Francesco Daniele

Non dimenticare di iscriverti per continuare a ricevere i prossimi post.

A cosa serve il diaframma

La reflex, è composta da vari componenti. Il diaframma può essere considerato “l’iride” di quest’ultima. Come l’iride dell’occhio umano, è un meccanismo che serve a regolare la quantità di luce che entra nell’obiettivo.

Com’è fatto

La struttura del diaframma è costituita da un insieme di lamelle che si sovrappongono una all’altra. Solitamente ci sono almeno 10 lamelle. Diaframmi con meno di 8 lamelle, si usano per creare degli effetti particolari sulle foto. Il diaframma può avere un valore minimo massimo diverso, in base all’obiettivo.

Come utilizzarlo

Sulla macchina fotografica, avremo un ghiera, che ci permetterà di regolare l’apertura del diaframma. Possiamo considerare il valore “f” come apertura del diaframma. Minore sarà il numero, maggiore sarà l’apertura del diaframma e viceversa. Aprire il diaframma (quindi abbassando il valore), avremo un’ingresso maggiore di luce nell’obiettivo, questo permetterà un effetto della foto chiamato “Bokeh”, che metterà in evidenza il soggetto in primo piano, sfocando lo sfondo; non è altro che una modifica alla profondità di campo, che approfondiremo in una prossima lezione.


Ecco come si presenta un diaframma di una fotocamera, nelle diverse aperture. 

Solitamente, ci sarà anche una rappresentazione grafica del diaframma sul display della macchina fotografica, così da rendere più intuitivo l’utilizzo di quest’ultimo. Se non sai qual è la migliore macchina fotografica per te, passa sul mio articolo precedente!

Per non perdere i prossimi articoli, non dimenticare di cliccare la campanella in basso a destra e di iscriverti alla newsletter!

Francesco Daniele

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *